Le motivazioni della sentenza che ha portato alla condanna dei componenti della Commissione Grandi Rischi per il terremoto dell‘Aquila, sono state depositate appena ieri. Il 22 ottobre 2012 i giudici condannano a 6 anni di reclusione per omicidio colposo e lesioni colpose i sette membri. Nelle novecentoquaranta pagine il giudice, Marco Billi, sostiene che gli esimi scienziati fecero “valutazioni assolutamente approssimative, generiche e – spiega – inefficaci in relazione ai doveri di previsione e prevenzione”. “Informazioni inesatte, incomplete e – si legge – contraddittorie sulla pericolosità del terremoto, invitando i cittadini dell’Aquila a restare nelle loro abitazioni”. Presadiretta (Rai3) domenica 20 gennaio alle 21,30, con una puntata dal titolo ‘Irresponsabili’ grazie all’inviata Lisa Iotti, ripercorrerà tutte le fasi processuali. Dando voce all’accusa, alla difesa, alle parti civili, alle (tante) vittime di quel sisma. Un approfondimento che ha scatenato un acceso dibattito e che ha avuto echi internazionali. Ecco un’anticipazione per ilfattoquotidiano.it della puntata del programma di Riccardo Iacona. Nella clip l’intervista al professor Enzo Boschi, per 12 anni è stato presidente dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, membro della Commissione grandi rischi e anche lui condannato a sei anni in primo grado

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritto di cronaca “scaduto”: condannati direttore ed editore

next
Articolo Successivo

Giornalismo, “un mestiere pericoloso” tra libertà d’espressione e reputazione

next