Salgono Ingroia, Grillo e il Pdl, scendono il Pd e Sel. E l’andamento potrebbe non essere casuale, specie nel caso di un possibile travaso di voti dal partito di Nichi Vendola, alle prese con gli effetti ‘negativi’ dell’alleanza con i democratici (anche loro in calo), a favore del movimento Rivoluzione Civile dell’ex pm di Palermo, che supera la soglia del 5 per cento. E’ quanto emerge da un sondaggio ‘settimanale’ realizzato dall’Istituto Swg in esclusiva per Agorà, su Rai Tre. Un rilevamento che conferma, nonostante un andamento non esaltante, la possibile vittoria dell’area Bersani.

Con il 33 per cento dei possibili consensi, infatti, la coalizione di centrosinistra si conferma quella con più consensi in vista delle prossime elezioni, ma perde quasi due punti (-1,9%) rispetto alla settimana scorsa. Nel dettaglio, infatti, il Pd perde un punto (da 29,8% a 28,8%) mentre Sel scende dal 4,4 per cento al 3,8 per cento. Sale invece il centrodestra, che si attesta al 27,2 per cento (+1,9%) per effetto della crescita del Pdl (+2%, toccando quota 17,7%), che bilancia la flessione della Lega Nord+Lista Tremonti (-0,7%). Pressoché stabile la coalizione di Centro intorno a Monti (- 0,1%), che si attesta al 13,7 per cento, con il risultato di Scelta civica con Monti (8,6%), Udc (4,1%) e Fli (1%).

Interessante anche l’andamento del Movimento 5 Stelle, che dopo un periodo abbastanza lungo di flessione torna a crescere, salendo di quasi un punto percentuale (+0,9%) e raggiungendo il 16,8 per cento. Ancor più significativa la salita di Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia, che guadagna quasi un punto percentuale (+0,9%) superando la soglia del 5 per cento (5,4%). In lieve flessione (-0,3%) Fare per fermare il declino, al 2,2 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beni confiscati alle mafie: sblocchiamoli per dare occupazione

prev
Articolo Successivo

Antimafia: Ingroia non ti seguo. Tradisci la nostra storia

next