“La sovraesposizione del Pdl nelle testate Mediaset cui si fa riferimento non può che essere affrontata, secondo le norme vigenti, alla conclusione del periodo elettorale”. Così l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni in una nota replica alle dichiarazioni di Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21, che aveva chiesto quali fossero le intenzioni del Garante dopo i dati che danno una “preponderanza” del partito di Berlusconi nei tg della sua azienda.

Tutto inizia il 16 gennaio con un nuovo richiamo dell’Agcom per violazione della par condicio. L’autorità ha rilevato in Studio Aperto e Tg4 un’eccessiva presenza del Pdl, nel TgLa7 una sovraesposizione di Mario Monti e una sottopresenza di Pd e Pdl, in Tgcom24 una sovraesposizione di Monti e una sottopresenza del Pd. Giulietti di Articolo 21 ha quindi chiesto all’Agcom di intervenire. Da qui la risposta dell’autorità che ha comunicato che affronterà la situazione “solo dopo le elezioni“. 

Pronta la controreplica di Giulietti: “Siamo lieti della risposta che conferma pertanto in modo palese l’esistenza di uno squilibrio più volte rilevato in questi giorni. Tuttavia – prosegue – la lettera fa sapere che ‘i provvedimenti conseguenti saranno adottati alla conclusione del periodo elettorale’. Non riusciamo a comprendere quale sia il nesso tra rilevare squilibri oggettivi e rinviare a tempi indefiniti, non tanto le sanzioni, che francamente ci interessano poco, quanto i tempi compensativi. Come se un arbitro durante una partita di calcio annunciasse che le ammonizioni e le espulsioni saranno assegnate alla fine del campionato“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013, Ingroia: “No desistenza. E il Pd chiarisca rapporto con Monti”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, vendoliani contro le “prove” del Pd con Monti: “Unità ora e dopo”

next