“Troppo sconveniente” e decisamente “contro i precetti della sharia”. Così viene definito in Indonesia l’atto di salire su un motorino a cavalcioni dietro a un uomo per una donna. Niente passaggi dunque, almeno nella cittadina di Lhokseumawe, nella provincia indonesiana di Aceh, guidata da un sindaco che ha annunciato l’intenzione di vietare alle donne di montare in sella. Con due uniche eccezioni: se sono loro alla guida – ma in questo caso devono indossare abiti ampi e lunghi nel pieno rispetto dei precetti islamici – oppure se accettano il passaggio di un uomo montando però in sella “all’amazzone”, con entrambe le gambe da un lato.

“Le donne non devono montare a cavalcioni su un motorino, perché non è dignitoso per loro” e soprattutto perché “così facendo provocano l’uomo alla guida”, spiega il sindaco Suaidi Yahya, sottolineando che nella sua cittadina si segue “la legge islamica”. Il primo cittadino si affretta però a precisare di aver pensato al divieto anche per “proteggere le donne da situazioni indesiderate”.

Quel che è certo è che a Lhokseumawe la polizia islamica impone alle donne l’uso del velo e di abiti ampi, vieta alle coppie non sposate di frequentarsi ed è proibito bere alcol e giocare d’azzardo. Del resto in un paese di 240 milioni di abitanti come l’Indonesia, che conta la popolazione musulmana più importante del mondo, ma nella costituzione garantisce la libertà religiosa, la provincia di Aceh fa storia a sé da quando nel 2001 ha ottenuto lo statuto autonomo. E deciso di imporre la sharia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Domande dei bimbi, una “guida semiseria” dà “le risposte del cavolo”

prev
Articolo Successivo

“Il profumo del tè alla cannella”: a teatro la Siria dell’eros universale

next