L’Imu, l’imposta municipale propria, è aumentata in 3 comuni su 10 per la prima casa e in più del 50% dei comuni per la seconda. Le prime abitazioni sono sicuramente state meno colpite dal caro-saldo Imu rispetto alle seconde, ma  il 27,92% dei comuni ha comunque aumentato l’aliquota di base, rispetto all’acconto. Tra questi, 257 centri (il 3,21%) hanno optato per l’aliquota massima al 6 per mille. E’ quanto risulta da uno studio della Consulta dei Centri di assistenza fiscale sulle delibere adottate dai comuni. L’Imu sulle seconde proprietà, invece, è stata decisamente più salata: il 55,95% dei comuni ha alzato l’aliquota di base, con  il 7,97% degli enti (quasi uno su dieci) che ha optato per l’aliquota massima al 10,6 per mille.

Nelle elaborazioni dell’Ufficio Studi della Consulta dei Caf risulta che tra i capoluoghi di provincia hanno optato per le aliquote massime (10,6 per mille per la seconda casa e 6 per mille per la casa di abitazione) i Comuni di Agrigento, Alessandria, Caserta, Messina, Parma, Rieti e Rovigo. Ma ci sono anche dei comuni che hanno abbassato le aliquote di base (562 comuni, il 7,62% del totale per le prime case e 143, l’1,78%, per le seconde) e dunque in questi casi il saldo sarà più leggero dell’acconto.

Secondo quanto stimato dall’ufficio politiche abitative della Cgil, si parla di una vera e propria stangata di Natale: il conto più salato, alla fine, lo pagheranno soprattutto romani e torinesi che in alcuni casi vedranno addirittura raddoppiata, se non quadruplicata, la prima rata al momento del saldo. E tra prima e seconda casa dovranno sborsare fino a 3mila euro.

Lo studio riporta poi che nel 2012 ”la quasi totalità dei comuni non ha adottato lo strumento delle detrazioni quale possibile mezzo di ‘governance’ dell’imposta”. Sono pochissimi infatti i casi in cui sono state aumentate le detrazioni per situazioni particolari, come la presenza di invalidi nel nucleo familiare o case affittate. E’ invece alto il numero dei comuni (5.046, il 63% del totale) che ha deciso l’agevolazione prima casa per gli anziani ricoverati nelle case di riposo. I Caf hanno anche sottolineato che  nel 2013 sarà necessario “anticipare il più possibile le date delle delibere dei Comuni per evitare che i cittadini siano costretti, come è accaduto quest’anno, a fare i conti all’ultimo momento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perché Monti non dovrebbe ricandidarsi

next
Articolo Successivo

Tares, ecco la nuova tassa comunale. Arriva la mazzata di Capodanno

next