Che ne dite della pubblicità di una caramella, quella che mostra un uomo legato su una carriola, le gambe e le braccia completamente bloccate e inerti, usato come un oggetto, una specie di elettrodomestico che soffia aria a comando. Guardandola si prova disagio perché è carica di significati violenti ma in un contesto apparentemente ordinato e sereno: una contraddizione che la rende ancora più inquietante. Da qualche giorno viene trasmessa in televisione. Prima un passante usa l’uomo-carriola, un giovane precario non choosy evidentemente, per pulire il suo prato dalle foglie secche, facendolo soffiare; poi una donna vestita di rosa, se ne appropria con atteggiamenti bambineschi, gli mette in bocca una caramella con gli stessi gesti che si potrebbero fare con il proprio cagnetto, e lo porta a soffiare su indumenti stesi ad asciugare. Alla fine garrula e leggiadra saltella compiaciuta per un bucato asciutto e profumato.

La pubblicità ci ha abituato in questi anni, a vedere e a venderci immagini di donne immobilizzate e sottomesse, o corpi  femminili esposti a quarti, sezioni di corpo a disposizione di un uso sessuale. Bad girl rappresentate in pose umilianti,  picchiate e sottomesse: le cattive ragazze insomma non vanno dappertutto ma finiscono male è anche quello che ci dicono quelle immagini.

In questa pubblicità i ruoli sono invertiti. Lui è immobilizzato e reso un oggetto mentre lei se ne serve, non per il sesso ma  per fare bene il suo compito di casalinga. Dalla dialettica soggetto dominatore e oggetto dominato nella relazione tra l’uomo e la donna così come viene costantemente proposta dalla nostra cultura non si riesce ad uscire. Tuttalpiù si possono invertire le parti. Ma non c’è solo questo. A guardare meglio le sequenze, si nota che l’ambientazione è quella degli anni ‘50/’60. La donna è rappresentata come una linda casalinga dell’epoca, il cui obiettivo principale è la cura della casa e del proprio bucato. Se  paragoniamo queste sequenze alle immagini dove invece la donna è ritratta con una  connotazione di oggetto sessuale si rivela la contrapposizione tra casta e puttana: ovvero tra  la donna dedita alla casa e la donna di cui servirsi per esprimere sesso o violenza.

Per l’uomo invece la contrapposizione è tra dominatore e violento o imbelle dominato. In questo spot così carico di nostalgia per gli anni che esaltavano gli angeli del focolare sempre intenti a risolvere problemi di lavatrici, amido per stirare e pannolini, è la “regina della casa” la dominatrice: contenuti che sanno di muffa conditi con il solito linguaggio violento a cui ci stiamo abituando da anni. Intanto segnaliamo allo Iap (Istituto di autodisciplina pubblicitaria) perché sia ritirata questa pubblicità?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scappiamo al primo schiaffo

next
Articolo Successivo

La violenza subita da una donna

next