“Le uscite sprezzanti verso gente che si mette in fila per partecipare sono francamente incomprensibili”. Ha voluto aspettare un giorno Pier Luigi Bersani prima di replicare alle accuse di Beppe Grillo, che ieri a seggi aperti aveva paragonato le primarie a “bromuro sociale”. Ieri era giorno di percentuali, ma nel day after i toni del segretario Pd sono stati durissimi: “Io – ha detto – sono disponibile a discutere con il Movimento dei temi originari che il movimento ha posto, come la sobrietà della politica, l’uso della rete. Questo atteggiamento di protesta generica, per dire via dall’euro, non paghiamo i debiti, è pericolosissimo, ed è pericoloso che si lasci correre una certa idea di democrazia dove chi dà indicazioni non accetta neanche una domanda”.

Il segretario del Pd ha ricordato Beppe Grillo, che vuole uscire dall’euro, e Silvio Berlusconi “che un giorno vuole uscire dall’euro e l’altro cambia idea”. Dunque, “credo che ci siano motivi di preoccupazione ma non certamente per noi”ha ammonito, “arrivo a immaginare che se non ci fosse il Pd potrebbe affacciarsi il rischio di un’Italia che diventa un problema per l’Europa e non solo. Chiederei un minimo di obbiettività a chi osserva queste cose”.

Il leader del Pd ha poi aperto anche alla ipotesi di primarie anche per i parlamentari. “Non si può dubitare di questo, bisognerà trovare una forma sensata che metta in equilibrio la partecipazione e la formazione di gruppi equilibrati. Con questo albo – ha aggiunto – abbiamo una platea di milioni di persone raggiungibili per ogni esigenza, un patrimonio di milioni di persone che potremo consultare e raggiungere per qualsiasi emergenza”.

In attesa del secondo round della primarie, Bersani ha agli elettori di Nichi Vendola. Il bottino del governatore della Puglia, che ha portato a casa oltre il 15% potrebbe essere decisivo per la vittoria del segretario. “Con Nichi Vendola abbiamo dei punti di assonanza e convergenza, ma questo non vuol dire che stiamo facendo bilancini o “Cencelli in vista del ballottaggio delle primarie del centrosinistra”, ha commentato Bersani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Primarie: Bersani sotto al 50%, Renzi incalza ma non sfonda. Vendola a picco

next
Articolo Successivo

Primarie, Lega Nord con Renzi: “Non fu D’Alema a dire che siamo di sinistra?”

next