L’Agenzia delle Entrate sta facendo circolare un nuovo software, scaricabile gratuitamente da Web, il Redditest, con il quale è possibile verificare la coerenza del reddito familiare col proprio stile di vita (mutuo, spese mediche e d’istruzione, auto e moto, vacanze, ecc.).

La prima domanda che il cittadino avveduto si pone è la seguente: «Perché?». Se ha dichiarato regolarmente i suoi redditi non dovrebbero esserci problemi. Saranno affari suoi se, con quel reddito, riesce a mantenere un certo livello di vita.

Ma se non l’ha fatto, se ha “dimenticato” qualcosa, allora il Redditest serve a metterlo in guardia, a fargli capire che così non va. È probabile che l’intenzione del Fisco sia quella di spingere al ravvedimento, insomma a far dichiarare il giusto, al fine di rientrare nei parametri e stare tranquillo.

Sempre che (sospettosi come siamo) non serva invece al contrario, a occultare meglio le spese superflue, quelle più sfacciatamente indicative di un’alta e improbabile qualità di vita.

La fantasia offre le soluzioni più svariate: dal farsi pagare le vacanze da qualcun altro al farsi regalare la casa, magari a propria insaputa.

Ma non è divertente. Se si prova a eseguire il Redditest, può accadere che il risultato sia di un bel rosso acceso, anche in presenza di una dichiarazione veritiera. Conseguenza inevitabile è una sensazione di disagio, un senso di colpa, che si presta a qualche considerazione di natura sociologica.

Ogni marchingegno anonimo e non contestualizzato, come questo, spinge verso una “normalizzazione”. Incasella gli individui entro schemi convenzionali che non rispondono alla realtà dei singoli casi e li fa sentire inadeguati, se non rispondono ai parametri prefigurati. Non è cosa da poco.

A differenza della statistica, che calcola il valore medio risultante dalla somma di tutte le variabili presenti, qui si parte dal principio opposto: dato il valore medio, si considerano anomali, aberranti, tutti coloro che non vi rientrano.

L’idea che ne emerge è una sorta di aspirazione alienante verso una società omogeneizzata e controllata, dove le differenze siano colpevolizzate e represse. Non già in funzione del principio democratico dell’uguaglianza, bensì della parità fiscale. Una società dove potrà levarsi un nuovo e più bruciante insulto: «Incoerente!»

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Un posto al sole” per la lotta alla criminalità

next
Articolo Successivo

Una giornata a casa del boss

next