Il Pdl continua a perdere pezzi e nasce ‘Italia libera‘. Per ora sono in 5: Isabella Bertolini, Gaetano Pecorella, Giorgio Stracquadanio, Franco Stradella e Roberto Tortoli. Per Isabella Bertolini: “La possibilità 
di rinnovare il Pdl – dichiara in conferenza a Montecitorio – non esiste più”. Cinque fedelissimi di Silvio Berlusconi che hanno scelto di separarsi dal Popolo della Libertà per “continuare sulla strada intrapresa quando scelsero Forza Italia e che non è più quella del partito di via Dell’Umiltà”. Dal 2008 il Pdl ha perso il governo del Paese e i due terzi dei suoi elettori, passando da circa il 38 per cento dei consensi a circa il 14-15 per cento. Manca l’autocritica se il partito non è riuscita ad espellere neppure Fiorito che è un ladro. Poi i cinque fondatori di “Italia Libera” attaccano i candidati alle primarie del Pdl che per la Bertolini sono “personaggi più o meno improponibili” e Giorgio Stracquadanio attacca Gianpiero Samorì: “Il suo programma è più a sinistra di Ferrando” di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Pdl, Lupi: “Samorì e Proto indagati? Deciderà il Comitato dei garanti”

prev
Articolo Successivo

Scontri cortei, Cancellieri: “Momento difficile. Ipotesi di arresto differito”

next