Se non vincerò le elezioni, porterò un po’ di amici miei in Parlamento e cercherò di avere un po’ di spazio, ma non mi faccio comprare“. Sono le parole pronunciate da Matteo Renzi durante un fuorionda nel programma radiofonico “105 friends”, su Radio 105. Il candidato alle primarie del centrosinistra, ospite della trasmissione, ironizza anche sul suo avversario, Pierluigi Bersani, e sui suoi “tre vitalizi”. E spiega che il nuovo regolamento imposto dal Pd lo penalizza fortemente. In caso di vittoria, invece, i suoi candidati devono firmare “col sangue un foglio” in cui dichiarano di voler abolire il finanziamento pubblico dei partiti, dimezzare il numero di senatori e deputati, ridurre le indennità del parlamentare. Il sindaco di Firenze ammette inoltre che il famoso pranzo con Berlusconi gli costerà forse il 2% dei voti alle prossime primarie. “Ma lo rifarei anche domani mattina”, puntualizza. Ed infine Renzi si esprime su Grillo: “Lui prima spaccava i computer e ora dice tutt’altro. Grillo è uno che cambia idea su tutto. Io no” – conclude, facendo riferimento al suo passato entusiasmo per Marchionne – “sul manager della Fiat non è che ho cambiato idea. Sono stato fregato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontri cortei, Cancellieri: “Momento difficile. Ipotesi di arresto differito”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Tremonti corre col suo movimento “Lista lavoro e libertà”

next