Il ReddiTest è il nuovo software dell’Agenzia delle Entrate, che permette di valutare la coerenza tra il reddito familiare dei contribuenti e le spese sostenute nell’arco dell’anno.

Le prime informazioni da inserire sono la composizione del nucleo familiare, il reddito e il comune di residenza. Successivamente, vanno indicate le spese sostenute corso dell’anno, suddividendole in 7 categorie: abitazione, mezzi di trasporto, assicurazioni e contributi, istruzione, tempo libero e cura della persona, altre spese significative, investimenti immobiliari e mobiliari. Il risultato e i dati inseriti possono essere salvati e stampati.

L’Agenzia delle Entrate sottolinea che le informazioni inserite restano sul computer del contribuente, senza lasciare alcuna traccia sul web. Inoltre, è possibile in qualsiasi momento modificare o integrare i dati riportati.

Per utilizzare il programma è necessario scaricare il software dal sito dell’Agenzia delle Entrate e inserire i dati richiesti.

Il video-tutorial ufficiale:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforma condominio 2012: norme e regole del nuovo testo di legge

prev
Articolo Successivo

Ballottaggio primarie centrosinistra: come si vota domenica 2 dicembre

next