Antonio Manganelli, intervistato ieri a Ballarò, si è detto convinto che nel 90% dei casi nelle manifestazioni di piazza non c’è abuso da parte delle forze dell’ordine. Considerato che Antonio Manganelli è il capo della Polizia, tendo a dare per scontato che la percentuale da lui riferita sia verosimile. Se questa percentuale dev’essere in qualche modo ritoccata tendo altresì a pensare che, per il corso naturale delle cose, si tratti di una stima in eccesso, cioè i casi in cui non c’è abuso da parte delle forze dell’ordine sono forse qualcosa di meno del 90% del totale. Considerato che qui non si tratta di fare la media tra i dati degli organizzatori e quelli della questura farò in modo di attenermi al dato riportato da Antonio Manganelli.

Ebbene, stando a questo dato, si deduce quanto segue:

  • Un poliziotto su dieci compie abusi di potere;
  • Una manganellata su dieci è illegittima (sulla legittimità delle altre nove si può discutere);
  • Una manifestazione su dieci finisce con un’aggressione da parte della polizia ai manifestanti;
  • Un arresto su dieci è immotivato.

Penso che se sia utile osservare le cose sotto molteplici prospettive, è la ragione per cui ho pensato di riscrivere i quattro punti in un altro modo. Dunque, secondo quanto riferito dal capo della polizia, nella gestione dell’ordine pubblico normalmente accade questo:

  • Cento poliziotti su mille compiono abusi di potere;
  • Cento manganellate su mille sono illegittime (sulla legittimità delle altre novecento si può discutere);
  • Cento manifestazioni su mille finiscono con un’aggressione da parte della polizia ai manifestanti;
  • Cento arresti su mille sono immotivati.

In genere tendo a considerare il buono delle cose, ragione per cui ritengo che la dichiarazione di Manganelli sulla fallibilità dell’operato delle forze dell’ordine rappresenti un fatto importante. Come è importante sapere che il 90% degli agenti di polizia svolge il proprio lavoro con professionalità e competenza. Che esista una percentuale “fisiologica” di abusi da parte della polizia è una realtà che qualsiasi democrazia è giocoforza tenuta a sobbarcarsi. Che questa percentuale si attesti al 10% credo sia allarmante. Sono dati – penso – ai quali il ministro degli interni Anna Maria Cancellieri, quando domani riferirà nell’Aula del Senato sugli scontri dei giorni scorsi, dovrebbe dedicare un minimo di attenzione. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sequestro Spinelli, per investigatori prevale la pista della truffa finita male

prev
Articolo Successivo

Torino, processo No Tav per i disordini del luglio 2011. Nuova udienza 21 gennaio

next