Il presidente del Senato, Renato Schifani garantisce che i tempi della legge elettorale saranno brevi. ”La legge elettorale arriverà in Senato entro pochissime settimane, conto di poterla far votare in aula entro novembre, per restituirla alla Camera in tempi ragionevoli”. “La prossima settimana in Commissione i nodi vanno sciolti e devono essere sciolti con regolare votazione. Ognuno si assuma le proprie responsabilità” ha aggiunto Schifani.

Schifani, che oggi a Napoli ha preso parte al congresso nazionale del notariato, si è espresso poi sull’Election Day, dopo che anche oggi è impazzata la polemica a riguardo tra le varie forze politiche: “Il governo deve valutare attentamente tutte le soluzioni che consentano alle Regioni di tornare ad essere governate al più presto e nello stesso tempo anche una riduzione dei costi per questa tornata elettorale”.

”Lo Stato deve rispondere alla domanda di lavoro che viene dai cittadini – ha detto poi Schifani – perché questo è il vero e autentico significato della parola crescita. E’ questo che ci viene chiesto: un compito al quale la politica non deve abdicare”. Il presidente del Senato ha poi auspicato “ulteriori alleggerimenti fiscali alle imprese che consentano la ripresa dell’occupazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

De Luca, che succede a Napoli?

prev
Articolo Successivo

Legge di Stabilità, per le scuole private arriva l’eccezione alle regole di bilancio

next