I partiti sono morti ma la politica, quella della Polis, per fortuna esiste ancora. Il “Coordinamento Comitati Fuochi” di Napoli, Provincia di Napoli e Provincia di Caserta, domani alle 11, presso la “Sala Nugnes” in via Verdi, 35 a Napoli, presenterà la maxi petizione popolare a sostegno della querela/denuncia nei confronti della Regione Campania, delle Amministrazioni Provinciali di Caserta e di Napoli, e delle amministrazioni dei comuni maggiormente colpiti dal fenomeno degli sversamenti di rifiuti industriali e dei  roghi tossici.

 In due mesi sono state raccolte circa 35 mila firme a sostegno della querela/denuncia che è stata da pochi giorni depositata presso le Procure della Repubblica di Napoli, di S.Maria C.V. e di Nola. Un esercito di volontari, attivisti e singoli cittadini  ha finalmente deciso insieme di dire basta al genocidio che sta falcidiando la gente di Napoli e Caserta anche chiedendo formalmente  che siano puniti, penalmente, non solo i responsabili diretti, ma anche i responsabili indiretti del dramma ambientale campano.

Alla mobilitazione popolare si è affiancata una mobilitazione di parte della stampa locale e nazionale che sta contribuendo a dar voce a queste istanze e a far conoscere questo fenomeno a livello nazionale ed internazionale, con l’intento di richiamare ai suoi  doveri chi, a vario titolo, ha la responsabilità istituzionale di intervenire. 

Sitowww.coordinamentocomitatifuochi.org

Sitowww.coordinamentocomitatifuochi.org

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sandy e le bufale climatiche: come sfatarle in sette pagine

next
Articolo Successivo

Il business dell’abusivismo edilizio tra politici e sacerdoti

next