“Non c’è ancora una coscienza collettiva forte contro la corruzione e le mafie”: il campanello d’allarme partito dalle recenti indagini che hanno coinvolto membri della classe politica regionale e locale lombarda, viene rafforzato dalle dichiarazione del presidente della commissione antimafia di Milano, David Gentili. Anche lui a Sedriano, per partecipare alla fiaccolata organizzata dall’Anpi e dai partiti di opposizione in difesa della legalità. Nell‘indagine che ha portato all’arresto dell’assessore regionale Domenico Zambetti, è stato coinvolto anche il primo cittadino Alfredo Celeste, attualmente ai domiciliari. L’esponente del Pdl non sembra intenzionato a lasciare il suo incarico, così come la consigliera comunale di maggioranza Maria Stella Fagnani, moglie di Marco Scalambra (anch’egli arrestato). Presenti amministratori locali e consiglieri provinciali del centro sinistra. Ma se i cittadini gridano a gran voce “Sindaco, dimettiti”, come aveva fatto un piccolo gruppo pochi giorni fa, il capogruppo del Pd in consiglio comunale è più moderato: “Chiediamo una mozione di sfiducia verso il primo cittadino”. Ma per questo servono anche i voti della maggioranza  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comune sciolto per camorra, ma il Pdl ricandida le stesse persone in giunta

prev
Articolo Successivo

Lazio, ex Idv Maruccio: “Non manca un euro”. Ma spuntano spese per condom

next