Dopo decenni di ipotesi, tre studi indipendenti confermano che la Luna è nata 4,5 miliardi di anni fa da una gigantesca collisione fra la Terra ed un pianeta delle dimensioni di Marte. A fornire nuove prove sulla dinamica della nascita del nostro satellite sono due ricerche pubblicate sulla rivista Science, presentate entrambe nel convegno della Società americana di astronomia in corso a Reno, in Nevada, alle quali si aggiunge una terza ricerca condotta sulle rocce lunari riportate a Terra dalle missioni Apollo e pubblicata sulla rivista Nature.

La descrizione dell’impatto e delle convulse fasi che lo seguirono emerge in tutti i suoi dettagli dalle simulazioni fatte al computer dai ricercatori dell’università di Harvard guidati da Matija Cuk. La loro ricostruzione, confermata da un secondo studio del Southwest Research Institute, mette in crisi la vecchia teoria secondo cui la Luna si sarebbe formata dall’aggregazione dei materiali rilasciati dal grande pianeta che era andato a scontrarsi con la Terra, ancora giovanissima.

Le nuove simulazioni dimostrano infatti che l’elevata velocità di rotazione della Terra dopo lo scontro potrebbe aver dato origine a un disco di materiali dai quali sarebbe nata la Luna: questo spiegherebbe anche la forte similitudine tra la composizione chimica del satellite e del nostro pianeta. A seguito dell’impatto la Luna ‘neonata’ avrebbe sperimentato una gigantesca fusione, il cui calore avrebbe portato all’evaporazione degli elementi chimici più volatili, come lo zinco. Le prove sarebbero conservate nelle rocce lunari riportate a Terra dalle missioni Apollo, analizzate e confrontate con campioni terrestri e marziani dai ricercatori dell’università della California a San Diego.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uomini e topi parte II

prev
Articolo Successivo

Cancro al cervello dopo anni di cellulare. Cassazione: “C’è legame, sì all’invalidità”

next