Una ‘bionda’ da lanciare sul mercato col nome del Cavaliere. Si tratta di una birra prodotta da un birrificio artigianale danese che si è dato un nome ‘particolare’:  ‘Stronzo brewing company’. E lo ha fatto proprio con l’intenzione di ricalcare l’insulto italico. La birra Berlusconi, scrivono sulla pagina facebook dell’azienda, è “sfacciata, un po’ troppo abbronzata” e con tanta schiuma. Ricca “di note di frutta e spezie”, che la rendono “amabile e un po’ dolce”, ma con “un lungo retrogusto molto amaro”, si appresta a fare ingresso sul mercato. Il sito internet dell’azienda, che ha sede al 68 di Norrebrogade a Copenaghen, reclama i suoi prodotti come birre per ‘gente con carattere’.

In catalogo ci sono già una decina di prodotti: la ‘Golden Stronzo’, la ‘Proud Stronzo’, la ‘White Stronzo’ e tante altre. Oggi, sulla pagina Facebook , è comparso l’annuncio- in realtà piuttosto vago – di una nuova qualità di birra: la ‘Berlusconi Stronzo’. Sul sito dell’azienda, però, non è ancora reclamizzata, ma il post sul social network, corredato di una foto del Cavaliere sorridente, ha già raccolto commenti divertiti di amanti della bionda. E l’azienda promette: “Assaggiare la Berlusconi è una storia completamente nuova”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ma il Nobel a Gino Strada proprio no?

prev
Articolo Successivo

Un’educazione alla pace per la vita quotidiana

next