La smentita è categorica: “In relazione all’articolo apparso quest’oggi in prima pagina su Libero dove si afferma che Villa Certosa sarebbe stata venduta, bisogna osservare che trattasi di notizia totalmente destituita di ogni fondamento.Villa Certosa non è in vendita e conseguentemente non ci sono trattative in corso”. Parola dell’avvocato e parlamentare del Pdl, Niccolò Ghedini. Uno dei legali storici di Silvio Berlusconi interviene su un gossip che da settimane riguarda la residenza sarda dell’ex presidente del Consiglio. 

Le voci sulla presunta messa in vendita della magione, cui il Cavaliere ha dedicato molte risorse economiche, negli ultimi giorni però si sono fatte insistenti. La mega villa, un’immensa proprietà con 120 ettari di parco, 4.500 metri quadri coperti, dependance, serre e anche un finto vulcano, secondi alcuni essere stata adocchiata da principi arabi e secondo altri sarebbe solo l’ultimo colpo della calata di magnati russi in Costa Smeralda. Per tutto il complesso immobiliare, secondo il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, un magnate russo alla guida di uno di quegli stati che un tempo facevano parte dell’Unione Sovietica, sarebbe stato pronto a sborsare 470 milioni. E secondo il giornale, inoltre, il preliminare di vendita sarebbe già stato firmato. La villa era stata sulle pagine di cronaca negli ultimi mesi anche per alcuni controlli da parte della Guardia forestale per presunti abusi. E’ stata sempre croce e delizia per Berlusconi che ha passato molte delle sue vacanze lì.E’ lì che per la prima volta fu fotografato, nel 2007, con un harem di ragazze. Immagini pubblicate poi su Oggi e cuore del processo in cui il leader del Pdl è parte civile. Ed è lì che il Cavaliere portava amici e amiche anche con voli di Stato, abitudine che è stata al centro di polemiche per mesi. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Marsala, direttrice e bidello di doposcuola arrestati per abusi sessuali

next
Articolo Successivo

Processo al maggiordomo, in Vaticano continua la farsa

next