L’11 novembre 2011 avevano occupato il centralissimo ex Cinema Arcobaleno, abbandonato da anni. Oggi, a meno di 12 mesi di distanza, stanno iniziando a ricevere le notifiche di chiusura delle indagini preliminari, atti che normalmente precedono la richiesta di rinvio a giudizio. Le notifiche riguardano 59 persone identificate dalla Digos durante lo sgombero dell’ex sala cinematografica, occupata per 5 giorni dal movimento “Santa Insolvenza”. I reparti di Polizia e Carabinieri arrivarono all’alba del 16 novembre, e trovarono ad attenderli 200 occupanti che si opposero in maniera non violenta.

I 59 identificati sono ora accusati di invasione di edifici pubblici in concorso (articoli 110, 633 comma 2, 639/bis del codice penale). La notizia la dà il quotidiano online Zic.it  che riporta stralci del provvedimento. “In concorso tra loro e con altre persone allo stato non identificate – recita l’atto – arbitrariamente invadevano, al fine di occuparli e di trarne profitto conseguente, i locali siti in Bologna, Piazza Re Enzo al civico 1/d, già adibiti a sala cinematografica), di proprietà della società Emmegi Cinema srl, ivi stabilendosi allo scopo di organizzare in modo permanente le attività del c.d. Cartello “Time Out”, sigla questa riunente vari collettivi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inceneritore di Parma, la Procura contro il no al sequestro

next
Articolo Successivo

Puliamo il mondo… e le teste

next