Dettaglio, grandeur, decostruzione sonora. Semplificando: avanguardia. Poche altre parole sono così puntuali nel descrivere, anticipandola, la quintessenza del live congiunto di Ryuichi Sakamoto e Alva Noto, in scena giovedì 27 settembre, alle ore 21.00, al Teatro comunale di Bologna, nella serata inaugurale della quinta edizione del roBOt Festival, un progetto targato Shape col sostegno e il patrocinio di Comune, Provincia e Università di Bologna, assieme alla Regione Emilia Romagna.

Dopo i nomi internazionali di sofisticati produttori e compositori ricorsi nelle passate edizioni – da Carl Craig a Moritz Von Oswald e da Jon Hopkins a Yann Tiersen – il concerto-preview del 2012, tradizionale appuntamento di avvio della manifestazione di musica elettronica, vedrà salire sul palco del Comunale due baluardi complementari e discosti della contemporaneità sonora, figure speculari di un mondo fatto anche, e soprattutto, di sperimentazione.

Il guru della mescolanza sonora – il musicista, compositore e attore giapponese Sakamoto – colui che fra la tradizione musicale d’oriente e il pionierismo elettronico d’occidente ha posto un ponte, il proprio, si unirà sul palco a quel Carsten Nicolai meglio conosciuto come Alva Noto, nave scuola fra i flutti impalpabili delle melodie digitali.

Due background apparentemente discordanti, i loro, già autori di cinque album in duo, e fautori di un’interazione artistica che ha raggiunto, nel corso dei live, picchi di inusitata perfezione acustica, fra partiture scritte e parti riservate all’improvvisazione.

Dopo l’anteprima del concerto al Comunale, la quattro-giorni del roBOt Festival avrà luogo a Palazzo Re Enzo dal 10 al 13 ottobre, ramificata nel cuore di Bologna fra importanti club e gallerie d’arte cittadine (OltreDimore, Spazio Elastico, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Ono Gallery, Libreria Giannino Stoppani), nel ventre delle arti digitali, delle sonorità dance, techno, club culture, e del più colto pionierismo elettronico su scala mondiale.

Riuscitissimi sono gli assemblamenti: è il caso del gruppo corale per la  “Wolf + Lamb Night”, trionfo dance d’importazione newyorkese, composto da Gadi Mizrah assieme a Soul Clap, No Regular Play, Slow Hands, e del virtuoso duo Plaid, con Ed Handley ed Andy Turner a innalzare l’elettronica a suggestione introspettiva, o di Marcel Dettmann e Ben Klock, fari del fascinoso club berlinese Berghain.

Ma numerosi e nondimeno curiosi sono anche i singoli artisti in cartellone: dall’inglese James Golden, punta di diamante dello scenario elettronico dell’ultimo decennio, forgiatore di house e sinfonismo, e Nathan Fake, che presenterà a Bologna il suo ultimo album, agli Steam Days, e Gold Panda, Tiger&Woods, Oneohtrix Point Never, Scuba, Julio Bashmore, Hype Williams, Vessel, Francesco Tristano, Memoryman aka Uovo, Analogue Cops feat Lucretio e Buck.

Fra le novità della quinta edizione del roBOt festival c’è il coinvolgimento, da mercoledì 26 settembre, in cinque spazi-satellite orbitanti attorno a Palazzo Re Enzo, di alcuni artisti selezionati tramite il bando di ricerca “call4roBOt”: presso la galleria OltreDimore di Piazza San Giovanni in Monte 7, ad esempio, il designer di moda e pubblicità Cristian Grossi allestirà una video installazione a metà fra kitsch e edonismo, fra mistico ed eros, mentre Marco Morandi avvierà il “Progetto Lucina” con cui lo spettatore, suonando una tastiera, aziona e relaziona alcuni oggetti luminosi.

Per la sezione “Screenings”, invece, sarà proiettato un film documentario di Will Lovelace e Dylan Southern – Shut up and play the Hits – sull’ultima, epica esibizione degli LCD Soundsystem al Madison Garden di New York, mentre una serie di workshop tematici, incentrati sui network digitali e le tecnologie partecipative, vedranno alternarsi esperti di musica e di comunicazione da giovedì 11 a sabato 13 ottobre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

PoesiaFestival 2012: Lamarque, Piovani e Finardi ad impreziosire versi e rime

next
Articolo Successivo

Adéu, il sesso e le donne secondo Vasco Rialzo al ritmo di techno

next