La possibilità che Mediaset compri La7 è una di quelle notizie che servono a fare chiarezza sulla situazione dell’informazione in Italia. Che, da quasi vent’anni, non è cambiata granché.

E’ chiaro che se non viene risolto il problema del conflitto di interessi, nessuna ipotesi di governo democratico può essere avanzata.

Il paradosso che si andrebbe a creare, nel caso di acquisto di LA7 da parte di Mediaset e contemporanea vittoria di Berlusconi alle elezioni, è eloquente: una persona sola potrebbe controllare quasi il 100% dell’informazione televisiva, caso unico rispetto a tutti i paesi del mondo cosiddetto civilizzato.

Per questo, come nel 1993 quando nacquero i comitati BOBI BOicotta il BIscione, è necessaria una reazione forte da parte di tutti i cittadini che hanno a cuore la libertà di informazione e il rispetto delle regole democratiche.

Così, come allora, proponiamo una forte reazione proclamando una giornata di Boicottaggio alle Reti Mediaset per il giorno mercoledì 26 settembre. Le modalità della giornata saranno presentate domani 17 settembre con una conferenza stampa davanti alla sede dell’Antitrust in Piazza G. Verdi, 6/a a Roma, alle ore 14. Il momento è decisivo per la democrazia italiana, per questo estendiamo l’invito ai cittadini, alle associazioni, i club, le testate, i siti, i gruppi organizzati e a tutti coloro che vogliono far sentire la propria voce contro il conflitto di interessi. Facciamoci sentire!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Rai e l’inchiesta del Fatto. Dove vai? Porto pesci

next
Articolo Successivo

Mondadori paga con altri 100 tagli gli investimenti per il rilancio dei giornali

next