Ingroia parla troppo, i magistrati dovrebbero parlare con le loro sentenze non concedendo interviste a tutti i giornali, televisioni o feste di partito”. Sono le parole di Massimo Donadi, capogruppo Idv alla Camera, ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24. “Spesso i magistrati che conducono indagini delicate in Italia vengono lasciati soli – prosegue – ma Ingroia con il suo iperattivismo sbaglia e rischia di indebolire le sue indagini”. Donadi si rivela ipercritico anche nei confronti di Grillo: “Tra lui e Casini” – dichiara – “scelgo certamente Casini, perché si tratta comunque di una forza responsabile. Grillo porterà in Parlamento delle persone per caso, una classe dirigente senza esperienza e competenza politica. E’ una forza politica totalmente incompetente a governare”. Il politico esprime commenti polemici anche nei confronti di Di Pietro: “Prima si toglie il suo nome dal simbolo del partito, meglio è – afferma -. Gli altri partiti che lasciano il nome del leader sul simbolo sono ridicoli. Io sono contrario ai partiti personali”. Infine, stoccata poderosa alla linea politica di Di Pietro: “Le sue scelte sono state sbagliate, hanno allontanato la prospettiva di un’alleanza di centrosinistra. Dobbiamo fare un passo indietro”. E aggiunge: “Resto nell’Idv, ma i comportamenti di Di Pietro favoriscono oggettivamente il ritorno di Berlusconi. L’Idv fuori dal centrosinistra rischia di far tornare Monti nel 2013 e dunque la grande coalizione con dentro il Cavaliere”  di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regione Campania, Cosentino contro la nomina del consigliere anticamorra

next
Articolo Successivo

Chiamatelo CoeRenzi

next