5.700.000 persone sono tante. La somma, per dire, degli abitanti di Roma, Milano, Napoli,Venezia e Bologna. E questa moltitudine di italiani, ieri sera, ha guardato la fiction L’Onore e il Rispetto su Canale 5. Arrivata alla terza stagione (la prima è del 2006, la seconda del 2009), la serie targata Mediaset vede come protagonista l’attore-cane più cane in assoluto (senza offesa per gli amici più fedeli dell’uomo): Gabriel Garko. Soggetto e sceneggiatura fanno ridere, visto che trattasi di una storia di mafia all’acqua di rose, con accenti siciliani forzati e ridicoli (il siculo-piemontese del protagonista è da sganasciarsi dalle risate), che poggia più sul sex appeal (sic!) di Garko che sul resto. Il cast, poi, è zeppo di residuati bellici, attori e attorucoli riciclati qua e là tra le produzioni Mediaset. E allora, un prodotto così scadente, come può racimolare 5,7 milioni di telespettatori e uno share del 26,5%?

Le ragioni possono essere molteplici, a cominciare dalla palese debolezza dell’avversario diretto: Rai1 ha risposto, infatti, con uno Speciale anni Ottanta di Affari Tuoi, condotto da Max Giusti. Sì, Affari Tuoi quello dei pacchi. Ancora. Come se i gusti degli italiani siano immutabili. Come se la novità televisiva di un decennio fa possa restar tale fino alla fine dei giorni. Risultato? 3,2 milioni di ascoltatori e il 13% di share. Pochino, per quella che dovrebbe essere l’ammiraglia del servizio pubblico.

Ma nemmeno l’insipienza palese della Rai può giustificare un risultato così alto per L’Onore e il Rispetto, soprattutto se pensiamo che non siamo ancora entrati nella fase migliore per gli ascolti tv. Piace Gabriel Garko? Sì, inspiegabilmente e incredibilmente sì. Piace alle sciure, piace alle figlie delle sciure, piace alla generazione cresciuta a tronisti e postini di Maria. Piace, dunque, a chi la televisione la guarda di più.

A costo di risultare snob, non possiamo assistere inerti alla piega che hanno preso i gusti televisivi degli italiani. La nostra tv è quella che è: non c’è una programmazione seria e al passo con i tempi, e soprattutto in questo periodo non ci sono soldi. Ma il problema principale di cotanto degrado catodico, è il pubblico stesso. Forse dovremmo accettare l’idea che gli italiani siano diventati un popolo mediocre, provinciale e di basso livello culturale, ammettendo che il guaio della tv italiana (e non solo della tv, in realtà) è il destinatario, non il messaggio.

E allora che fare? Adeguarsi e sopravvivere o lottare e rischiare di morire? Qualche eroe della resistenza televisiva in giro c’è. Ma non basta. E finché non troveremo il coraggio di scontentare il popolo bue, non ci resterà che spegnere il televisore, atterriti dalla paura di incappare nell’ultima fatica di Gabriel Garko.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Boccia contro Marco Travaglio (via Twitter)

next
Articolo Successivo

La Rai perde 105 milioni e vende Viale Mazzini

next