La parola chiave è armonia: quella conoscenza di se stesse e del mondo che permette di vivere serene. Sicure, consapevoli dei propri limiti e dei propri punti di forza, senza avere il chiodo fisso del fisico da ragazzine. Sono le donne italiane tra i 45 e i 60 anni su cui un team della Scuola di direzione aziendale (Sda) dell’Università Bocconi di Milano ha condotto uno studio coordinato da Stefania Borghini, Antonella Carù e Maria Carmela Ostilio. Un target cospicuo: si tratta di almeno sei milioni e trecentomila persone, circa il 27 per cento dell’intera popolazione. Sono le figlie del post-femminismo, tre le prime a vivere l’emancipazione e l’indipendenza economica: lavorano fuori casa, hanno un loro reddito e una vita piena, molto di più di quella delle loro madri. Come indica il titolo dello studio, non sono “mai state così bene”.

A fare da spartiacque e inaugurare la nuova fase di “armonia” nella vita della donna sembrerebbero essere i cinquant’anni: “Quest’età segna un cambiamento notevole – spiega Ostilio – Prima di allora le donne vogliono ancora sentirsi giovani, fare cose nuove. Solo dopo i cinquanta riescono a mettere a frutto le esperienze avute fino a quel momento e a vivere “in ordine”, rispettando i propri principi e riferimenti personali”. In una parola, la propria singolarità. E dunque a vivere bene, a casa e al lavoro, con mariti, figli e colleghi. “E anche il rapporto con il proprio corpo”, aggiunge Ostilio.

La ricerca si propone infatti di capire chi sono e che cosa vogliono, come vedono la loro vita, i loro progetti, le loro relazioni le over 45 di oggi a partire dalla percezione che hanno del proprio aspetto esteriore.

Già, perché per iniziare la giornata con il piede giusto, sentendosi belle e sicure di sé, appunto “in ordine”, fondamentale è star bene con quello che si indossa. Forse lo sapevamo già, ebbene le donne intervistate dal team di studiosi della Bocconi – che nel loro lavoro hanno condotto anche un’accurata content analysis di articoli di testate periodiche femminili e di campagne pubblicitarie dagli anni Sessanta a oggi – lo hanno confermato.

“La maturità fa sì che la consapevolezza del proprio fisico aumenti. Le cinquantenni sanno quali sono i loro pregi e soprattutto i loro difetti, non più percepiti come problemi ma accettati con grande ironia”, prosegue la ricercatrice. Anche se il rapporto con lo specchio – a cui è stata dedicata una parte dello studio – rimane difficoltoso per la maggior parte delle intervistate. I casi sono diversi: “Una signora ci ha raccontato di non fidarsi dello specchio tanto da chiedere un parere sul proprio aspetto alla baby-sitter della figlia – spiega Ostilio – un’altra dice di usare prima uno specchio ingranditore e poi uno normale perché le diminuisce i difetti e la fa sentire meglio, altre ancora addirittura non ne possiedono uno”.

Maturità e consapevolezza a parte, la cinquantenne italiana non ha affatto gettato la spugna rinunciando per sempre a migliorare il proprio aspetto esteriore: nemici numero uno sono vita, pancia, glutei e gambe, spesso lontani dai desideri di molte over 45. Tuttavia diete, palestra, creme e anche piccoli ritocchi estetici vengono visti come un gioco, “a cui la donna decide liberamente come e quando prenderne parte”, senza essere influenzata dai giudizi negativi altrui. Anche un po’ contraddittorie queste cinquantenni. Ma comunque felici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dall’Est Europa al Centro America con due bebè, ecco “Family without borders”

next
Articolo Successivo

Web, adescamento dei minori: “Bimbi a rischio se non hanno strumenti”

next