Una folata di vento, le fiamme che aggrediscono e un burrone nel posto sbagliato come trappola fatale. E’ morto così Michele Ciglione, 57 anni, operaio della Sma Campania, società mista regionale per i servizi antincendio, mentre cercava di spegnere uno dei tanti roghi che attaccano i boschi italiani in questi giorni.

L’uomo, originario di Quarto (Napoli), si è trovato intrappolato a fronteggiare le fiamme che, complice il vento, lo hanno attaccato soffocandolo. Disperso per ore, e caduto in burrone in un castagneto ai confini tra Lauro (Avellino) e Palma Campania (Napoli), Ciglione è stato ritrovato solo dopo qualche ora dai colleghi ormai sfinito e in fin di vita. Tutti i tentativi di rianimarlo non hanno avuto successo.

Ferito anche il collega della Forestale che era con lui: Alberto Campanella, intrappolato nelle fiamme come Ciglione, è riuscito a divincolarsi prima di avere la peggio. Ha riportato ustioni di primo e secondo grado agli arti, ma le sue condizioni di salute, verificate all’ospedale di Nola, non destano particolari preoccupazioni.

Per Ciglione, che aveva perso ogni contatto con il resto del gruppo, non è stato possibile fare niente. Il suo decesso è stato constatato dal medico legale intorno alle 18 dopo che alle ricerche, durate diverse ore, aveva partecipato anche un elicottero. Anche la moglie di Ciglione è una dipendente della Sma, ma essendo stata assegnata ad un’altra squadra, non ha assistito direttamente alla tragedia. Indagini sono in corso per accertare le cause dell’incendio.

Non è il primo tributo di vite che gli uomini impegnati nell’opera di spegnimento degli incendi pagano nel corso di questa calda estate. Lo scorso 4 agosto un forestale di 42 anni del servizio antincendio, Francesco Pizzuto, è morto mentre, insieme a una squadra di colleghi, stava partecipando alle operazioni di spegnimento di un rogo divampato a Castronovo di Sicilia (Palermo). Anche allora fu decisiva una fatalità: l’incendio era stato spento quando il forestale tornò indietro a prendere un manicotto dimenticato. Il rogo, probabilmente per il caldo torrido e lo scirocco, riprese ad ardere e la vittima, colta di sorpresa, non riuscì a salvarsi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Palermo, azzerata la squadra antimafia. E anche in procura arriva il turnover

prev
Articolo Successivo

La classe operaia va (davvero) in paradiso

next