Una vera e propria rete di sette sataniste specializzate nel sacrificio di animali, responsabile – secondo la denuncia dell’associazione animalista Aidaa – della morte di almeno 300 gatti neri, attiva dal Piemonte al Lazio, è stata scoperta nel corso di un’indagine di diverse procure, partita da alcune denunce raccolte negli ultimi anni. Fino ad oggi gli investigatori hanno iscritto nel registro degli indagati 34 adepti di dodici diversi gruppi esoterici, tutti accusati di maltrattamento e uccisione di animali.

Secondo le informazioni raccolte dagli animalisti, le organizzazioni sataniste sarebbero particolarmente attive nella zona di Cairo Montenotte in Liguria, nella città di Alba, in val Pellice e nelle valli del Cuneese e alto Verbano in Piemonte, in Valtellina (zona Morbegno e val Chiavenna), Basso Varesotto – nell’area vicina alla diga del Panperduto, zona dove operavano le Bestie di Satana – e nella zona dei boschi del parco delle Groane in Lombardia. Nel centro Italia alcuni casi sono stati segnalati in provincia di Modena, all’interno del comune di Mirandola.

Satanisti specializzati nell’uccisione di gatti neri sarebbero presenti anche a Montefiascone, in provincia di Viterbo. A Roma vi sarebbe poi un gruppo attivo nei pressi del cimitero monumentale del Verano. Le oltre trecento segnalazioni sono state raccolte dall’Aidaa attraverso il servizio online di tutela degli animali e trasmesse alle Procure competenti. Il reato contestato è quello previsto dall’articolo 544 ter del codice penale che punisce chi ferisce o sevizia un animale con la reclusione da tre mesi ad un anni, e con la multa massima di 15 mila euro. Nella denuncia presentata dal presidente dell’associazione ambientalista Lorenzo Croce si fa riferimento anche alla macellazione clandestina e al furto di altri animali, sempre utilizzati nel corso di riti esoterici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Belpietro, Feltri, Vespa e Fede: quando la scorta è (anche) per i giornalisti

prev
Articolo Successivo

Ilva, il disinteresse del Ministero prima dell’emergenza: “Assenza inspiegabile”

next