Un giovane operaio che stava lavorando all’allestimento dello show di Laura Pausini, in piazza Palio a Lecce, è stato ucciso in un agguato. A sparare sarebbe stato un giovane sopraggiunto a bordo di una moto, che subito dopo si è dileguato tra i vicoli della zona. Immediatamente soccorso dai compagni di lavoro, il ragazzo, di 22 anni, è morto durante il trasporto in ospedale. Si tratta di Valentino Spalluto, di Surbo (Lecce). Il killer avrebbe sparato attraverso gli spazi esistenti nella recinzione in cemento della struttura che ospita il Palafiere.

Il giovane era impegnato, insieme con il suocero, nel montaggio di un ponteggio del palco, per conto di una ditta specializzata del settore. Il suocero ha detto agli inquirenti di aver sentito alcuni colpi di arma da fuoco, riuscendo a vedere appena in tempo un individuo, a bordo di uno scooter con indosso un casco nero e una maglietta nera che si allontanava a gran velocità. L’uomo si è quindi poi accorto del corpo del genero riverso per terra in una pozza di sangue. Due i colpi sparati, uno l’ha raggiunto alla testa e uno a un braccio. La produzione dello Show di Laura Pausini “smentisce categoricamente qualunque riferimento all’incidente che si è verificato nel pomeriggio di oggi presso la struttura fieristica di Lecce e che è costato la vita a Valentino Spalluto. Il palco e tutta la struttura produttiva dello show – spiega la stessa produzione – sono fermi a Malta per lo smontaggio del concerto che l’artista ha tenuto ieri sera”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva Taranto, “Misure d’urgenza”. Regione e partiti: “Serve un decreto”

next
Articolo Successivo

Yemen: liberato Spadotto, il carabiniere italiano rapito. Sta bene

next