Le ultime immagini inviate dal Lunar Reconnaissance Orbiter (Lroc) della Nasa mostrano che la maggior parte delle bandiere americane piantate sulla Luna dagli astronauti delle sei missioni Apollo è ancora in piedi. La sola bandiera non più in piedi è quella piantata la prima volta, da parte dell’Apollo 11. 

Secondo l’astronauta Buzz Aldrin, questa bandiera sarebbe comunque stata abbattuta dai gas di scarico del motore dell’astronave, durante la risalita verso la Terra. I ricercatori hanno osservato le foto scattate dalla missione Lroc esaminando le ombre intorno ai punti in cui si pensava dovessero esserci le bandiere. “Si pensava che queste bandiere fossero spacciate, se si considerano i 42 anni di esposizione al vuoto, i 500 sbalzi di temperatura di circa 500 gradi al giorno, ai micrometeoriti, alle radiazioni ultraviolette. Le bandiere avrebbero dovuto disintegrarsi” ha spiegato James Fincannon, del NASA Glenn Research Center di Cleveland, sulla rivista “Apollo Lunar Surface Journal”. E invece sono ancora lì, almeno secondo la Nasa. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alzheimer, “doping” di un gene per salvare i neuroni

next
Articolo Successivo

A Roma primo centro europeo con tecnica “Exit” per bebè a rischio

next