“O muoriamo di malattia o di fame”. Sono le voci degli operai Ilva di Taranto ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. “Siamo ventimila famiglie a rischio, che facciamo poi andiamo a mangiare a casa del magistrato che ha sequestrato tutto”. Uomini e donne che lavorano nello stabilimento siderurgico da anni. A centinaia di fronte ai cancelli da questa mattina alle 6, pronti a ogni tipo di protesta: “Ci incateniamo, marceremo, ma qui lo stabilimento è tutto, siamo pronti allo sciopero ad oltranza”. Intanto sono state bloccate le strade e il ponte girevole della città. Un migliaio tra operai e impiegati protestano anche a Genova di Lorenzo Galeazzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sequestro siderurgico Ilva, Taranto tra disastro ambientale e sociale

prev
Articolo Successivo

Quanto amianto c’è nelle nostre case?

next