C’è anche l’Antico Caffè Chigi a Roma tra i beni confiscati dal personale del centro operativo della Direzione investigativa antimafia della Capitale. Il locale si affaccia su piazza Colonna, sul lato opposto rispetto al portone principale di Palazzo Chigi, a due passi dalla Camera dei Deputati. Gli investigatori hanno confiscato beni per circa 20 milioni di euro a personaggi legati alla ‘ndrina dei Gallico di Palmi (Reggio Calabria). Lo ha deciso il Tribunale di Roma, presieduto da Guglielmo Muntoni, su richiesta del procuratore distrettuale antimafia di Roma Giuseppe Pignatone e del sostituto Giovanni Bombardieri. Il locale venne sequestrato il 5 luglio del 2011 dalla Dia, assieme agli altri beni riconducibili (secondo la magistratura) alla cosca calabrese: a un anno e mezzo di distanza è scattata la confisca, con la quale il bene viene definitivamente acquisito dallo Stato. Dal giorno del sequestro l’Antico Caffe Chigi è rimasto chiuso: accanto all’ingresso è ancora affisso il menù a muro, in inglese e in italiano: 15 euro per una degustazione di piatti tipici romani come carbonara e amatriciana, vino consigliato il Montepulciano d’Abruzzo a 10 euro. Oltre allo storico locale nell’omonima e centralissima piazza della Capitale sono diventati beni dello Stato 18 società tra le quali un centro estetico e numerose società di intermediazione finanziaria nonché un centinaio di rapporti bancari. Nel provvedimento di confisca è compresa anche una lussuosa villa con 29 stanze con piscina, a Formello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Aquila, “frode nei materiali” nella new town di B: “Antisismicità a rischio”

prev
Articolo Successivo

Lecco, chiuderà il canile della Brambilla. Il Comune: “Non risponde ai requisiti”

next