La scarsa etica e deontologia professionale delle agenzie di pubblicità italiane è cosa nota. Sull’argomento però trovi sempre qualcuno che cerca di minimizzare dicendo che queste cose avvengono dappertutto, che non è affatto una “tara tipica italiana” e che comunque non ci si può fare niente. Ma qui stiamo parlando di uno dei settori trainanti dell’economia e le condizioni di salute di quest’ultima si vedono anche da quello che accade in pubblicità.

Un esempio? L’ultima gara per l’assegnazione del budget di comunicazione delle Poste Italiane. La gara si è svolta con modalità a dir poco scandalose ma non da parte del committente: da parte delle agenzie che hanno partecipato. Due erano i lotti in palio: 3,4 milioni di euro in 3 anni per la comunicazione di BancoPosta, e 2 milioni di euro in 3 anni per la comunicazione istituzionale di Poste Italiane. Per il primo hanno partecipato Young&Rubicam e Ogilvy&Mather: ha vinto la Young proponendo un fee del 3,9%. Per il secondo hanno gareggiato Ogilvy&Mather, Mc Cann Erickson, TBWA\Italia e Saatchi&Saatchi: ha vinto McCann proponendo un fee dell’1,95% e listini scontati del 12%.

Facendo un paio di calcoli, vien da chiedersi come possano queste agenzie lavorare per tre anni alle condizioni che hanno proposto. Non c’è il tempo/uomo necessario e nemmeno le risorse per garantire un servizio all’altezza di ciò che un grande cliente può richiedere. La questione è: fino a che punto si può sputtanare il proprio lavoro e quello degli altri giocando al ribasso? C’era una volta la Saatchi & Saatchi che arrivava a lavorare perfino gratis pur di dimostrare che nonostante la crisi continuava a prendere clienti. Ma con questa irresponsabile strategia per promuovere la propria immagine contribuì a distruggere il mercato. Oggi, questa forma di malcostume è ormai generalizzata.

Il Governo si disinteressa totalmente dell’argomento. Assocomunicazione nicchia. Gli unici che hanno aperto bocca sono Annamaria Testa e Massimo Guastini, Presidente dell’Art Directors Club Italiano, con questa lettera. Troppo tardi?

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spread spagnolo record a 613 punti. Milano -4,38% e Madrid -6%

next
Articolo Successivo

Tassi Euribor e Libor, Procura Trani apri inchiesta su manipolazione

next