Riceviamo e pubblichiamo la risposta di una delle compagnie citate nel pezzo.

“Benché l’applicazione della variabile legata alla cittadinanza sia consentita dalla legge italiana e non abbia alcun intento discriminatorio, Quixa ha comunque deciso di eliminare in maniera definitiva il parametro nella determinazione delle tariffe RC Auto a partire dal 30 giugno 2012.

La decisione, che si inscrive nell’ambito di una revisione periodica delle condizioni tariffarie già programmata dalla compagnia, è stata assunta al fine di evitare che possa anche solo essere evocato il sospetto di un intento discriminatorio nell’utilizzo del parametro di cittadinanza”.

Quixa Assicurazioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mussolini socialista in Emilia e il primo amore con (probabile) prole

next
Articolo Successivo

Ultracinquantenni e disoccupati, le nuove vittime del caporalato

next