Paolo Borsellino è stato ucciso dallo Stato”. E tra i magistrati che oggi indagano sulla trattativa fra Stato e mafia c’è anche Nino Di Matteo, uno dei pm che alla procura di Caltanissetta “avallò la prima inchiesta sulla strage di via D’Amelio, basata sulle confessioni del pentito Vincenzo Scarantino, poi rivelatesi un clamoroso falso”. Anzi, “un depistaggio“, racconta a ilfattoquotidiano.it Enrico Deaglio, giornalista, già direttore di Diario, autore del libro “Il vile agguato. Chi ha ucciso Paolo Borsellino. Una storia di orrore e menzogna” (Feltrinelli 2012, 12 euro). Nel libro, Deaglio ripercorre gli ultimi giorni di vita del magistrato siciliano che insieme a Giovanni Falcone istruì il maxiprocesso contro Cosa nostra. E soprattutto racconta l’incredibile storia della falsa verità sulla sua morte, presa per buona per quasi vent’anni dopo la strage  di Chantal Dumont e Mario Portanova

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Con Sergio Pininfarina muore anche la grande carrozzeria torinese

next
Articolo Successivo

Sanità in Puglia: cinque grandi ospedali in più, ma 800 posti letto in meno

next