Partiamo dai numeri: a partire da quest’anno il 65% delle auto prodotte dovrà avere una media di emissioni pari o inferiore a 130gr di C02/km.

Almeno questo è quello che si legge nel Regolamento europeo (CE) n.443/2009

Eppure degli oltre 3500 modelli presenti sul mercato, tanti ne segnala la nuova Guida al risparmio di carburante e alle emissioni di CO₂ del Ministero dello Sviluppo Economico, solo il 25% del totale sembra rispettare questo limite

La domanda nasce spontanea: com’è possibile rispettare il Regolamento se c’è una differenza così ampia?

Semplice, ci pensa lo stesso regolamento europeo a risolvere ogni dubbio, perché, se a parole definisce limiti molto precisi, nei fatti, tra cavilli, regole e incentivi, rende tutto più semplice.

Ad esempio, se produci una macchina con emissioni di CO₂ inferiori a50 gCO₂/km la conterai come  fossero 3,5 autovetture, andando quindi ad abbassare la media matematica (ma non l’emissione reale); oppure permettendo raggruppamenti tra piccoli e grandi industrie auto per raggiungere obiettivi fissati dal Regolamento. O ancora indicando deroghe nel caso si produca un numero inferiore a dieci mila autovetture o non si appartenga a un gruppo di costruttori. E se proprio ti dimostri volenteroso,la Commissione europea può concedere una deroga per un periodo di cinque anni.

Il paradosso è che nel frattempo si sta riaprendo il fronte legislativo e per la fine dell’anno è prevista la revisione della legge sulle emissioni di CO2 da auto che dovrebbe –speriamo- rendere vincolante il limite di 95 g/km previsto per il 2020. Come sempre due schieramenti opposti: da una parte la lobby automobilistica, con ACEA in testa – l’associazione di rappresentanza dell’industria automobilistica europea guidata da Marchionne- che lamenta la difficoltà di raggiungere gli obiettivi di riduzione, dall’altra le associazioni, Transport &Environment in testa, che dimostrano numeri alla mano come sarebbe ampiamente realizzabile un obiettivo di riduzione addirittura superiore (80 gr di CO2/km).

I numeri e le percentuali sono sempre noiosi ma in questo caso sono importanti per capire la posta in gioco sia sull’ambiente e che sul portafogli, perché se abbassi le emissioni diminuisci i consumi di combustibili fossili e di conseguenza i costi. Secondo le stime di Transport & Environment un automobilista  arriverebbe addirittura a risparmiare oltre 500 euro l’anno.

I prossimi mesi saranno cruciali per fare in modo che l’Europa non ceda alle pressioni dell’industria automobilistica, anche se la vera sfida sarà quella di diminuire l’uso e la produzione di auto, perché non ha senso ridurre le emissioni se poi aumentano le macchine messe in circolazione.

PS: per dare la misura di quanta strada c’è ancora da fare basti pensare che su oltre 3500 modelli segnalati sono solo 7 quelli a propulsione elettrica. Sette!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quell’eccesso di igiene che nuoce alla salute

next
Articolo Successivo

Inceneritore di Acerra, per la cessione Impregilo sarà pagata con i soldi dei Fas

next