Secondo giorno di respiro per le piazze finanziarie europee con quasi tutte le Borse in rialzo e lo spread fra Btp e Bund in continuo calo. Sembra quindi che le notizie provenienti da Atene abbiano iniettato fiducia nei mercati e ridato un po’ di ossigeno al sistema economico europeo. Già ieri il Vecchio continente è tornato a sorridere con tutte le Borse positive e Milano maglia rosa in volata oltre il tre per cento, mentre il differenziale fra buoni del tesoro italiani e tedeschi in deciso calo, è passato da oltre 470 punti a 437. Oggi il copione si ripete con lo spread che ha aperto a quota 440 punti e poi scende a 414 punti, il rendimento del decennale è al 5,73 per cento. Rimane molto alto invece il differenziale calcolato sui Bonos spagnoli che comunque cala a 519 punti con un rendimento al 6,79 per cento, abbandonando la pericolosa quota del 7 per cento.    

Anche le Borse resistono, al termine del G20 in Messico e in vista della riunione della Fed di stasera, sono positive, con Milano che traina a +1,42 per cento. Londra avanza dello 0,44 per cento. Francoforte sale dello 0,23 per cento e Madrid che guadagna lo 0,58 per cento. In negativo invece Atene che perde lo 0,26 per cento e Parigi che arretra dello 0,19 per cento.

I mercati devono però aspettare l’avvio di Wall Street ma soprattutto le decisioni della Fed attese in serata, a Borse europee già chiuse. Si vedrà domani quindi se questa ventata di ottimismo è destinata a continuare o è solo uno dei tanti casi di euforia seguito da un ritorno al pessimismo. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Istat: industria italiana, scendono i fatturati. Resistono farmaci e trasporti

prev
Articolo Successivo

Roma non si vende: iniziamo dall’acqua

next