Mancano pochi giorni al pagamento dell’Imu, l’imposta sulla casa che ha sostituito l’abolita l’Ici e tra polemiche e difficoltà di calcolo e pagamento potrebbe arrivare una boccata d’ossigeno per i contribuenti. Un provvedimento per spostare il primo versamento sarebbe allo studio del governo. La possibilità è riportata dal quotidiano Milano-Finanza. Il governo vorrebbe concedere una proroga di un paio di settimane e far slittare il limite dal 18 giugno al 6 o al 9 luglio. L’Imu, introdotta dal decreto Salva-Italia del presidente del consiglio Mario Monti, ha creato non pochi problemi di calcolo anche a commercialisti e tecnici che hanno avuto poco per capire come muoversi. 

A convincere il governo sarebbero state anche l’analisi di alcune simulazioni che stimano un calo nei versamenti. Da questi pagamenti ci si aspetta un’entrata pari a 21 miliardi, 11 in più rispetto all’ultimo gettito Ici. Concedere qualche giorno in più per pagare consentirebbe allo Stato di incassare evitando gli ammanchi provocati dalle difficoltà di calcolo e pagamento. Questa estiva è la prima rata, in autunno dovranno essere pagate la seconda e la terza tranche.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fisco, altro che equità e redistribuzione: i lavoratori pagheranno più tasse

prev
Articolo Successivo

Acquisizione WindJet, l’Antitrust apre istruttoria sull’acquisizione di Alitalia

next