Roland Garros - Sara Errani vs Svetlana KuznetsovaSara Errani è una romagnola puro sangue di Massalomabarda. È una ragazza dolce, educata, ma molto risoluta che sa bene dove vuole arrivare. Non ha esitato un attimo a capire che se voleva diventare qualcuno doveva sottoporsi ad enormi sacrifici così prima è andata in Florida e poi dopo avere conosciuto laggiù chi sarebbe poi diventato il suo allenatore Pablo Lozano non ci ha pensato un momento e lo ha seguito a Valencia in Spagna.

Là si è stabilita da otto anni ed ha intrapreso la tortuosa e difficile strada del professionismo. La sua famiglia la ha assecondata e l’ha sostenuta senza invadenze e troppe presenze che spesso diventano un grande problema. Sara piano piano ha incominciato a capire cosa avrebbe dovuto fare per scalare le classifiche ed inserirsi tra le migliori. Non si è mai persa d’animo anche quando i risultati non arrivavano e con la tenacia tipica della sua gente ha sempre reagito come doveva. Ha trovato con il suo allenatore quel feeling che è indispensabile per progredire e passo dopo passo ora è una giocatrice importante, pronta per entrare tra le grandi interpreti di questo sport.

Ha avuto anche il supporto delle sue “amiche” della squadra Italiana di Fed Cup. Pennetta e Schiavone sono state per lei uno stimolo continuo e Roberta Vinci oltre ad essere la sua compagna di doppio, a proposito hanno appena vinto e sono in finale al Roland Garros, è diventata la sua migliore e inseparabile amica. Avere questi stimoli non è cosa da poco, ma bisogna avere pazienza e credere in quello che tu fai ed in certi momenti è molto difficile e ti vengono dei dubbi o delle paure che tu sola devi essere capace a gestire e risolvere.

Il tennis è uno sport crudele che ti lascia sempre e comunque solo e tu da solo devi avere la forza per venirne fuori. Sara è stata capace a fare tutto ciò ed ora non è più la piccola romagnola che si allena in Spagna. Ora è Sara Errani semifinalista al Roland Garros e poi domani si vedrà e nulla è impossibile per lei.     

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Trapattoni, il calcio migliore

next
Articolo Successivo

Calcioscommesse, Genoa-Sampdoria nel mirino. E il Grosseto trema

next