Comincia a prendere forma la giunta del Movimento 5 stelle a Parma: e il primo assessore arriva via youtube. Il sindaco Pizzarotti lo ha annunciato infatti tramite il canale web, dal suo ufficio in Comune. Camicia azzurra senza cravatta, Pizzarotti ha rivelato ai cittadini il nome del primo assessore della sua Giunta: si tratta del commercialista 48enne Gino Capelli, a cui sara’ affidato il Bilancio.

Capelli è noto a Parma anche per essere stato curatore fallimentare della Jam Session, la nota azienda di abbigliamento che deteneva la Guru di Matteo Cambi, poi venduta agli indiani. Per quanto riguarda l’uso di Youtube, Pizzarotti ha spiegato di “avere voluto inaugurare questo nuovo canale del Comune di Parma per avere un collegamento diretto con tutti i cittadini”. Inoltre, è stato convocato il primo Consiglio comunale: la data è quella del 14 giugno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferrara, trenta gli indagati per la prima scossa

prev
Articolo Successivo

Carpi in corsa per la B, cambia stadio per il terremoto: “L’Emilia trema ma non molla”

next