Hamza Ali Khateeb SiriaIeri è stata una notte di fuoco e morte per gli abitanti della piccola città di Houla, nei pressi di Homs. L’esercito governativo e l’esercito libero si sono fronteggiati tutta la notte e alla fine gli uomini fedeli a Assad hanno compiuto un ennesimo massacro. Dai 110 ai 90 morti si calcola, tra i quali almeno 25 bambini. Questo è il macabro risultato di una carneficina che, ancora una volta, non ha risparmiato bambini, donne e intere famiglie. I corpi di alcuni bambini sono stati allineati per terra, esanimi, con i segni delle coltellate, alcuni con i crani fracassati, mentre i loro famigliari e i sopravvisuti filmano per testimoniare al mondo quello che è successo in una città, sconosciuta a tutti noi, per mano dell‘esercito regolare siriano. Video (Ndr-  immagini che possono urtare la vostra sensibilità) 

L’esodo degli abitanti da questa città è già iniziato. Il Consiglio Nazionale Siriano ha chiesto un vertice straordinario delle Nazioni Unite per determinare le responsabilità dell’Onu di fronte a omicidi di massa, come quello di Houla, visto che in Siria ci sono osservatori Onu.

Il pensiero in questo momento non può che tornare a Hamza Ali Khateeb, il bambino di 13 anni evirato, torturato, infine ucciso con un colpo di pistola e riconsegnato alla sua famiglia dalle autorità siriane. Ieri 25 maggio 2012 è passato un anno dalla sua morte e ovunque, nella Siria in rivolta e nel web, si sono spese parole per ricordare il bambino simbolo della primavera siriana.
Altri 25 bambini si sono aggiunti questa notte a Hamza e alle centinaia di giovanissime vittime di una repressione che non accenna a diminuire. 
 
Oggi i siriani di Houla si chiedono quanto valga per la diplomazia internazionale il sangue dei loro figli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il giardino segreto di Michelle

prev
Articolo Successivo

Egitto, per il dopo Mubarak la partita è tra Fratelli Musulmani e ex militari

next