Umberto Bossi ha dato il via libera alla candidatura unica di Roberto Maroni a segretario federale della Lega Nord. Il Senatùr ne ha parlato nella riunione del Consiglio federale in via Bellerio dopo che sono stati esaminati i regolamenti del congresso. 

Il consiglio ha affrontato soprattutto questioni legate alla riforma dello statuto del partito che sarà modificato al congresso del 30 giugno-1 luglio. Si prevede anche la presenza di vicesegretari vicari, di cui uno di provenienza veneta, con una presidenza appannaggio esclusivo di Umberto Bossi come fondatore del Carroccio. “Bisogna mantenere il partito unito”, avrebbe ripetuto Bossi alla riunione in cui è stato descritto molto attivo nell’affrontare le questioni procedurali in vista dell’appuntamento di fine giugno.

A margine della riunione in via Bellerio la ‘triumvira’ Manuela Dal Lago, ha puntualizzato che il presidente non ha “mai ritirato” la sua candidatura perché “al federale non l’ha mai posta”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Barbato (Idv): “Indagano su di me? Mi sospendo per rispetto del Parlamento”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi, partiti in ordine sparso. Lega e Cinque stelle non “sposano” nessuno

next