Recidivo. Il pastore americano Terry Jones, diventato tristemente famoso per aver bruciato nel marzo del 2011 una copia del Corano, ha ripetuto il gesto in una cerimonia a Gainsville, in Florida. Di fronte ad una ventina di persone il pastore ha dato fuoco a copie del libro sacro per i musulmani in segno di protesta contro l’arresto in Iran di un pastore cristiano. Le manifestazioni anti coraniche in passato hanno già provocato drammatiche reazioni

Il ministero degli Esteri iraniano ha condannato la profanazione del Corano perpetrata dal pastore evangelico statunitense sostenendo che l’azione è in linea con “il fallito progetto dell’Islamofobia”. Secondo l’agenzia iraniana Isna il sacerdote “piromane” ha bruciato copie del testo di riferimento dell’Islam e  anche un’immagine del profeta Maometto. In una dichiarazione, il dicastero di Teheran sostiene che la comunità internazionale sta attendendo una pronta e dura reazioni da parte degli Usa affinché le persone coinvolte vengano punite. L’Iran ha anche chiesto agli Usa di porgere le proprie scuse al mondo islamico per questo insulto. Secondo altre fonti, il pastore ha compiuto la profanazione rilanciandola su internet per protestare contro l’incarcerazione di un pastore cristiano in Iran. Il video del nuovo rogo del Corano sarebbero stato pubblicato su Youtube dai sostenitori dell’iniziativa. L’evento, scrive la stampa locale, sarebbe stato anche trasmesso in diretta live sul web. Il reverendo aveva minacciato di dare alle fiamme il testo quando era stato annunciato il progetto di costruire una moschea vicino a Ground Zero, dove l’11 settembre 2001 le torri gemelle furono abbattute da un attacco kamikaze di componenti di Al Qaeda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei in Ucraina, l’affondo dell’Uefa: “Non escluso il rinvio”. Poi la smentita

prev
Articolo Successivo

India: tempesta si abbatte sul fiume Affonda il traghetto, oltre 100 morti

next