Da Partite & partiti: dall’Ucraina, al Bahrain, a Genova. Gli scenari degli eventi sportivi sono teatro di fatti di cronaca che dovrebbero mettere lo sport in secondo piano. Nelle strade ucraine, a fianco degli stadi in cui si giocheranno i prossimi europei, continua la strage dei cani randagi. Nell’emirato arabo va avanti la rivolta, con morti e feriti, ma la Formula 1 sembra non farci caso. A Genova si è arrivati al paradosso di vedere i giocatori costretti a togliersi la maglia da un gruppo di teppisti. La condanna è affidata alle solite sterili dichiarazioni scandalizzate. I fatti stanno travolgendo il calcio, che è solo una faccia del paese. Torna in mente l’episodio di qualche tempo fa, proprio a Genova, quando la partita tra Italia e Serbia fu sabotata dagli ultras ospiti. Viene da dire che anche noi abbiamo i nostri serbi di Oliviero Beha

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genoa – Siena, polemiche dopo il ricatto ultrà. Due turni a porte chiuse a Marassi

next
Articolo Successivo

Follia ultrà Genoa, quale?

next