Due croati coinvolti nell’inchiesta sul calcioscommesse si sono costituiti stamani in Italia, appena sbarcati da un traghetto nel porto di Ancona. Il giudice per le indagini preliminari Guido Salvini del tribunale di Cremona aveva emesso nel giugno scorso le ordinanze di custodia cautelare nei loro confronti per aver preso parte alle combine delle partite. I due finiti in carcere sono Vinko Saka e Alija Ribic e sarebbero i componenti del gruppo degli “zingari” (così furono definiti all’interno della stessa organizzazione). Su di loro pendeva un mandato d’arresto internazionale. Dopo lo sbarco, avvenuto alle 7, i due indagati sono stati presi in consegna da agenti delle squadre mobili di Ancona e Cremona e da poliziotti del Servizio centrale operativo. I due nel febbraio scorso, tramite i loro avvocati, avevano presentato agli inquirenti le loro memorie difensive nelle quali hanno ridimensionato il loro ruolo di scommettitori e ribadito che l’organizzazione per combinare le partite era stata costruita dai giocatori Carlo Gervasoni e Filippo Carobbio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Pestaggi della polizia in Val Susa”. Presentata in Procura la controinchiesta dei No Tav

prev
Articolo Successivo

Bosusco, l’ostaggio dei maoisti dell’Orissa: “Sto bene, amo l’India e voglio restare qui”

next