“Con sollievo e soddisfazione accogliamo la notizia del buon esito della vicenda del cittadino uruguayano, coniugato in Spagna con un italiano, al quale finalmente la Questura di Reggio Emilia ha rilasciato il permesso di soggiorno”. Lo dice Ilaria Trivellato, di Famiglie Arcobaleno e del Comitato Bologna Pride 2012, che sta organizzando la manifestazione nazionale del prossimo 9 giugno a Bologna. “Questa occasione è preziosa – prosegue Trivellato – per considerare che quello che per tutte le coppie eterosessuali è un diritto elementare, per questa coppia è stato il faticoso approdo, tutt’altro che scontato, di un percorso giudiziario”.

“Perché in tema di diritti le coppie omosessuali in Italia pagano ancora il prezzo del vuoto lasciato dalla politica e ricevono giustizia solo grazie ai trattati sovranazionali – prosegue Trivellato – sentenze come questa perciò dovrebbero  far arrossire i membri del nostro Parlamento, del quale, neanche troppo implicitamente, denunciano l’arretratezza. Ai due sposi finalmente ricongiunti inviamo i nostri più cari auguri e all’associazione Certi Diritti che ne ha sostenuto la battaglia il nostro ringraziamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massacrò una ragazzina e uccise un tassista: si suicida in cella a Parma

next
Articolo Successivo

“Espulsione” di Tavolazzi dai 5 Stelle, Beppe Grillo diffida l’uso di nome e simbolo

next