La nostra, e soprattutto mia personale, solidarietà ad Alberto Cisterna, il procuratore aggiunto della Direzione Nazionale Antimafia, per i vili attacchi dei suoi colleghi, e di pentiti senza alcuna attendibilità, discende dalla consapevolezza delle capacità investigative e professionali di Alberto. Queste hanno dato fastidio a molti, soprattutto colleghi, rappresentanti l’antimafia delle parole e non dei fatti. Un magistrato che soprattutto fuori Italia ci invidiano, perché capace e onesto, e che abbiamo l’onore di avere nel Comitato scientifico della più’ grande Associazione Antiriciclaggio europea. Non ti fermeranno, caro Alberto, nella tua brillante carriera, il vero motivo dell’accanimento verso di te. Come in questo Paese accade spesso, gli uomini coraggiosi e liberi pagano qualche prezzo, ma poi vincono! Ti vogliamo bene, senza se e senza ma!

Ranieri Razzante

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

San Raffaele, “i vertici sapevano delle spese folli”. Che a volte nascondevano “favori”

next
Articolo Successivo

La fabbrica degli alibi

next