Leon Panetta

Un’auto è esplosa sulla pista d’atterraggio in Afghanistan mentre era in fase di atterraggio l’aereo con a bordo il segretario alla difesa americano Leon Panetta. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, mentre l’aereo del segretario della Difesa americano stava per toccare terra, un’automobile ha fatto irruzione nell’aeroporto della base militare britannica di Camp Bastion e ha preso fuoco. La notizia è stata diffusa da una fonte governativa di Londra e ripresa da Sky News, secondo cui si è trattato di un attacco kamikaze non andata a buon fine. Ustionato il conducente dell’auto, che sarebbe un impiegato della base militare. Ferito anche un soldato inglese in un incidente precedente all’irruzione della presunta autobomba: secondo gli inquirenti i due episodi potrebbero essere collegati. Simile la versione fornita dal Pentagono, mentre altre fonti riferiscono che si tratta di un’auto rubata e che l’afghano che la conduceva è stato arrestato. Secondo una nota ufficiale dell’Isaf, “il segretario alla difesa, Leon Panetta, o altri occupanti dell’aereo su cui viaggiava non sono stati “in nessun momento in pericolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, l’Italia sospende l’attività diplomatica. Si combatte a Idlib, vicino al confine turco

prev
Articolo Successivo

Siria: un anno dopo dove andiamo?

next