Neve a Bologna

Ancora disagi al centro sud e lungo la dorsale adriatica, mentre nelle Marche non si placano le bufere che già ieri avevano colpito diverse città. Oggi la Gazzetta di Parma ha dato notizia del ritrovamento del corpo di un’altra vittima morta per assideramento. Si tratta di Graziella Boschesi, 61 anni, bidella di un liceo parmigiano trovata senza vita venerdì scorso. Ancora sotto i fiocchi l’Emilia Romagna, con cumuli di oltre 4 metri in montagna, e le Marche, dove l’emergenza maltempo è stata documentata da alcuni brevi video realizzati dalla Scuola di Giornalismo di Urbino. Nell’occhio del ciclone anche la Calabria, ancora nella morsa del freddo e delle piogge e con nevicate intense sopra gli 800 metri. Situazione difficile in Friuli Venezia Giulia e a Trieste, dove la bora soffia sempre a 120 km/h. A Roma, secondo la Protezione civile, non c’è nessuna criticità e Alemanno ha annunciato su Twitter che domani riapriranno le scuole. Negli aeroporti di Roma la situazione è tornata alla normalità e a Fiumicino, le limitazioni dei movimenti e la riprogrammazione dei voli di ieri, a partire dalle 17, hanno riguardato il 22% dei voli in arrivo e il 18% dei voli in partenza. Dalla mattinata di oggi il traffico aereo su Fiumicino è ripreso regolarmente. Allo stato attuale tutte le piste sono operative. I passeggeri rimasti a terra per la riprogrammazione dei voli di ieri, saranno riprotetti in giornata o comunque al più presto.

PIEMONTE – Dopo giorni di neve e di cielo coperto Torino si è svegliata sotto il sole ma con temperature non esattamente primaverili: alle nove del mattino il termometro non superava i tre gradi e mezzo sotto zero. Nella notte, inoltre, è ancora caduto qualche fiocco.

TRENTINO ALTO ADIGE – Il classico clima invernale non provoca disagi. Le nevicate quest’anno sono state paradossalmente scarse e la domenica è fredda come si conviene in queste giornate di febbraio. La temperatura più bassa tocca sempre a Cima Libera con -20,8 gradi, ma siamo a quota 3.400.

VENETO – In mattinata è scesa la neve; la precipitazione insistente, ma non intensa, ha riguardato tutta la regione compresa Venezia. In tutti i comuni già nella notte erano scattati i piani di prevenzione con lo spargimento di sale lungo le strade principali e a maggior scorrimento. Ed è ancora gelo in regione con le temperature minime che hanno toccato i -24 gradi nella piana di Marcesina nel vicentino e i -12 a Cortina d’Ampezzo.

EMILIA ROMAGNA – Continua a nevicare sull’Emilia Romagna. La situazione più critica in Romagna, nel Cesenate e nel Riminese: in montagna la coltre ha raggiunto ormai i quattro metri d’altezza. Neve anche sulla A14 tra Bologna e la Romagna. Chiusi gli scali di Rimini e Forlì, operativo invece quello di Bologna.

TOSCANA – E’ spuntato anche il sole oggi in alcune zone della Toscana ma nell’Aretino ci sono ancora alcune frazioni isolate a Sestino (al lavoro anche l’esercito) mentre a Badia Tedalda il crollo del tetto di una stalla ha fatto morire una ventina di cavalli. Situazione critica anche nel Grossetano, a Castell’Azzara, Sorano e Pitigliano, dove i cumuli di neve raggiungono anche i 3 metri.

MARCHE – Per tutta la notte e la mattinata, Ancona e le Marche sono state investite da nuove bufere di neve. Cumuli di 80-100 centimetri formati dal vento hanno nuovamente ostruito le vie di accesso a molte frazioni di Ancona e del Montefeltro, mentre in provincia di Pesaro sono 22 le strade provinciali interdette al traffico. Chiuso l’aeroporto delle Marche, percorribile invece l’autostrada. Anche oggi centinaia di interventi dei vigili del fuoco per stalle e capannoni crollati sotto il peso della neve.

UMBRIA – Bella giornata di sole oggi praticamente in tutta l’Umbria, con temperature però di poco inferiori o di poco superiori allo zero, a seconda delle località (a Colfiorito stamani si registrano meno sette gradi). Uomini e mezzi sono al lavoro per riaprire le vie secondarie e raggiungere case ancora isolate nelle campagne dopo le forti nevicate degli ultimi giorni.

CAMPANIA – Dopo le abbondanti nevicate delle scorse ore nelle aree interne della Campania la priorità nelle aree interne della Campania è rappresentata dalla verifica degli edifici la cui stabilità potrebbe essere compromessa dalla neve che si è accumulata. Percorribili strade e autostrade anche se dalle prime ore di stamane è scattata l’interdizione, sulla A16 Napoli-Canosa e sul raccordo Avellino-Salerno, per i mezzi superiori a 7,5 tonnellate.

BASILICATA – Nevica solo a tratti, dove il miglioramento delle condizioni atmosferiche sta agevolando il lavoro degli uomini dell’Esercito e degli altri soccorritori, impegnati per raggiungere frazioni e contrade rurali in difficoltà. Si circola senza disagi su tutte le principali strade ed è ripresa la circolazione dei treni sulle tratte delle Fs Potenza-Foggia e Potenza-Battipaglia. Scuole chiuse pure domani in molti comuni lucani e a Potenza (nel capoluogo riapriranno solo martedì) dove saranno sospese anche le attività dell’Università.

PUGLIA – Una leggera nevicata ha interessato stamani i Comuni di Biccari, Faeto e San Marco la Catola, nel Subappennino dauno, e San Marco in Lamis e Rignano garganico, nel Gargano, senza provocare particolari disagi. La situazione complessiva tende al miglioramento e si lavora a risolvere le emergenze prodotte dalle nevicate dei giorni scorsi.

CALABRIA – Da ieri sera sta nevicando ininterrottamente al di sopra degli 800 metri di altezza nelle zone della Sila e del Pollino. In tutto il resto della Calabria viene segnalata pioggia e freddo intenso. Al momento però nessun comune risulta isolato. La transitabilità è regolare sulle principali strade statali e provinciali.

SARDEGNA – La Sardegna continua ad essere coperta da un’insolita coltre bianca anche in zone che raramente vengono raggiunte dalla neve. Dopo le spiagge e le località più note della Costa Smeralda oggi si è presentata imbiancata anche Olbia, dove non nevicava da 27 anni.

(E.B.)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Voce possente e animo fragile
A 48 anni muore Whitney Houston

next
Articolo Successivo

Commissari per indagare sulle infiltrazioni
della Camorra in tre comuni del casertano

next