Il generale Inverno è arrivato in soccorso ai professori. Da quando si è installato con i suoi letali dieci centimetri di neve, non si parla più di tasse, di pensioni, di tagli, di macelleria sociale. A malapena regge l’articolo 18, ma se lo tirano addosso fiaccamente, in un “pink” pong un po ’ stereotipato, la signora Ministro e la signora Sindacato.

Tutto il volume di fuoco della stampa nazionale si è spostato: dalla politica alla meteorologia. Si scruta il cielo, con l’angoscia che era riservata agli indici mibtel. Riuscirò a partire? E se parto riuscirò a tornare? Ci sarà ancora lo zucchero al supermercato?

L’emergenza
, comunque, è garantita. Ed è bene. Dell’emergenza non si può più fare a meno. Siamo tutti drogati da emergenza. Ci piace avere sempre un vigliacco, un incompetente, un bugiardo da condannare. Due settimane fa era Schettino, adesso è Alemanno. Variazioni sul tema dell’irresponsabilità personale!

Uno lascia la nave appena affonda, l’altro sparge il sale sulla pioggia e quando nevica l’ha finito. Che cosa voleva fare? Un Resort di Thalassoterapia? Roma Capitale Termale? Gli è andata male. E ha ripiegato su qualche sport invernale: pattinaggio involontario, sci di fango e lancio di palle da neve… che si aggiungono a tutte le altre.

Il Fatto Quotidiano, 7 febbraio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La sfida di Volunia alla polarizzazione delle idee

prev
Articolo Successivo

Volunia, il Google italiano che non convince tutti

next