Si dimette perché accusato di aver trasferito una multa sulla patente della moglie. E’ quanto è accaduto in Inghilterra al ministro dell’energia britannico Chris Huhne che ha rinunciato all’incarico dopo che gli è stata anticipata la formalizzazione dell’accusa di intralcio alla giustizia: nel 2003 , infatti, gli era stata notificata una multa per eccesso di velocità la cui sanzione il ministro avrebbe trasferito sulla patente dell’allora moglie Vicky Pryce. La vicenda è emersa dopo la separazione della coppia che si dovrà presentare al tribunale di Londra, il 16 febbraio.

“Sono innocente e intendo combatterla in tribunale, ma lascio perché voglio evitare interferenze con la carica che ricopro”, ha dichiarato l’esponente del partito liberaldemocratico. Al suo posto dovrebbe arrivare il ministro dell’Economia, Ed Davey, il cui ruolo dovrebbe essere assunto da Norman Lamb, consigliere del leader dei liberaldemocratici Nick Clegg.

Si tratta del secondo scivolone di un ministro liberaldemocratico nel governo di coalizione formato dal partito conservatore e dal partito di Nick Clegg, dopo le elezioni del 2010. In quello stesso anno, l’allora ministro del Tesoro, David Law si dimise, travolto dalle rivelazioni sul rimborso chiesto per affittare alcune camere di proprietà del suo partner gay.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli ultras egiziani
non sono morti solo di calcio

prev
Articolo Successivo

Gli Usa: “Temiamo un attacco israeliano
contro i siti nucleari iraniani in primavera”

next