Due turisti britannici arrestati all’aereoporto di Los Angeles con l’accusa di essere dei terroristi, tenuti dodici ore in carcere e poi rispediti in Irlanda; tutto per una battuta di uno dei due che su Twitter diceva all’altro “spacchiamo l’America”, eccitato per l’imminente viaggio in California. Su Breaking Italy oggi parliamo di questo, dei finti tagli allo stipendio auto inflittisi dai parlamentari e di uno sfortunato ragazzo di Treviso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quando ti spaccano
la macchina

prev
Articolo Successivo

Se la fiction supera la realtà

next